Home Forum Forum Protezione di istanze Oracle al passo coi tempi

Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
  • Autore
    Post
  • Alessandro
    Moderatore
    • Intermediate
    • ★★
    Post totali: 9

    Oltre al tradizionale backup binario a corpo, da anni Oracle Database prevede l’utilizzo di Recovery Manager (Rman),
    un tool molto versatile per il backup e restore granulare dei componenti di un database, anche se un po’ complesso
    da gestire.
    Il passaggio storico dal nastro al disco nei vari software di backup, con associata deduplica e compressione, ha introdotto
    i metodi di salvataggio agentless o integrati con le nuove funzionalità di snapshot e change block tracking dei moderni
    sistemi operativi e dei gestori di macchine virtuali ma ha inizialmente reso un po’ rigide le metodologie di protezione
    dedicate ai database, specialmente quelli di fascia enterprise.

    La recente versione 8 di ARCserve UDP include un rinnovato agent dedicato ai backup delle istanze Oracle, perfettamente
    integrato con Rman, capace di gestirne la complessità con metodi semplici e chiari, utili a poter effettuare salvataggi
    e ripristini di un database o di suoi componenti anche senza l’aiuto di un DBA specializzato. La frequenza dei backup
    incrementali può essere portata ad intervalli molto ravvicinati, tale da ridurre RTO e RPO a livelli molto interessanti.
    La procedura di ripristino consente di effettuare un recovery con una granularità che spazia dall’ intero database, alla
    singola tablespace, alla singola tabella, fino alla specifica transazione; inoltre sono previsti i seguenti vari casi:
    Recover All, Point in time, Until SCN, and Until log sequence number.

     

    Oracle Backup e Restore

    • Questo topic è stato modificato 3 mesi, 4 settimane fa da Alessandro.
Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.